I bimbi piccoli sono pazienti speciali e reagiscono in modo molto diverso gli uni dagli altri alle visite dal dentista: alcuni sono curiosi, altri cauti o addirittura impauriti.

La prima visita dal dentista dovrebbe soprattutto servire a far conoscere lo studio medico al bambino e a creare un rapporto di fiducia tra bambino e medico dentista

Il bambino impara in maniera ludica quello che fa un dentista e che strumenti usa. Nel contempo, possiamo mostrare ai genitori come mantenere sana la bocca del piccolo.

Evitare la paura del dentista

Il fatto che un bambino abbia paura del dentista dipende soprattutto dai genitori, che possono preparare il piccolo facendogli capire che andare dal dentista è una cosa del tutto normale e spiegandogli prima che cosa lo aspetta. L’importante è che i genitori trasmettano al bambino segnali positivi e che non lo minaccino, per esempio, dicendogli che se non si pulisce i denti finirà dal dentista. Così facendo, infatti, il bambino finirebbe per pensare che andare dal dentista sia una cosa brutta. Anche con frasi del tipo «Non devi avere paura del dentista!» spesso i genitori ottengono l’effetto contrario e se raccontano ai piccoli le loro esperienze negative aumentano la paura in questi ultimi. Se, invece, i genitori spiegano che le cure del dentista sono state utili, contribuiscono a creare un’immagine positiva delle visite di controllo.

L'importanza di avere denti da latte sani

Spesso i genitori sottovalutano l’importanza dei dentini da latte, ritenendo che non necessitino di particolari cure, visto che poi verranno comunque sostituiti dai denti «veri». Questa idea è sbagliata: avere denti da latte sani è importantissimo se si vogliono avere denti sani per tutta la vita. I denti da latte servono per imparare a parlare e tengono il posto per i denti permanenti. Inoltre, i bambini hanno ovviamente bisogno di denti sani per masticare. Per prevenire i danni ai denti, a partire dai due anni circa conviene quindi sottoporre regolarmente i bambini a controlli dal dentista, senza dimenticare di curare l’alimentazione e l’igiene orale.

Un'alimentazione sana per i denti

In linea di massima vale la regola seguente: ciò che fa male al corpo fa male anche ai denti. Gli alimenti che contengono zuccheri favoriscono l’insorgere della carie. I batteri presenti nella placca, infatti, trasformano gli zuccheri in acidi, che possono attaccare e distruggere i denti. Pulendo i denti dei loro bambini dopo i pasti principali, i genitori possono bloccare questo processo. L’attività dei batteri della placca può essere inoltre arginata sostituendo gli spuntini dolci con cibi più sani come frutta, verdura, noci, prodotti a base di cereali integrali o di latte.
Per spegnere la sete l’ideale è bere acqua o tè non zuccherato. Le bevande che contengono zuccheri, come i tè per bambini, i succhi di frutta o gli sciroppi, favoriscono la carie, soprattutto la cosiddetta «carie da biberon», che insorge qualora i bambini abbiano l’abitudine di succhiare il biberon per addormentarsi o durante la notte.

Come pulire i denti da latte

Non appena spunta il primo dentino, bisogna pulirlo accuratamente tutti i giorni. Durante il giorno, i bambini possono lavarsi i denti da soli come se fosse un gioco. In tal modo imparano sin da piccoli a curare regolarmente la loro igiene orale. La sera prima di andare a letto, però, è meglio che sia un adulto a pulire a fondo i dentini dei piccoli.

Raccomandiamo di usare un dentifricio per bambini contenente fluoruri e di sostituire lo spazzolino almeno ogni tre mesi. Se i piccoli hanno l’abitudine di masticare le setole dello spazzolino, occorre sostituirlo più spesso.

 Leggi il dettaglio dei nostri servizi di medicina dentaria pediatrica e servizio dentario scolastico oppure prenota una visita